Articles

Le Morte d’Arthur Riassunto

Le morte d’Arthur inizia con la storia della nascita di Re Artù di Camelot. Re Uther ha bisogno di trovare un erede al suo trono, e ha un occhio su Igraine, la moglie del duca di Cornovaglia, quando vengono a visitare la corte. Insieme al mago Merlino, escogita un piano per assediare la corte del duca mentre Igraine è in un altro castello. Il Duca viene ucciso durante l’assedio, e Uther (che Merlino ha fatto sembrare il Duca) si intrufola nel castello. Uther riesce a dormire con Igraine, che solo più tardi scopre che suo marito è morto. In cambio del suo aiuto, Merlino chiede a Uther di consegnare il figlio che concepirà con Igraine. Uther e Igraine si sposano, poiché Igraine è convinta che questo sarà il migliore per il regno, e dà alla luce un ragazzo: Arthur. Merlino lo manda ad essere allevato da un cavaliere, Sir Ector, insieme al figlio di Ector, Kay.

Dopo la morte di Uther, il regno è in uno stato precario, lasciato senza un re. Merlino, condividendo il suo piano con l’arcivescovo di Canterbury, ha una spada incantata, Excalibur, posta in una pietra dalla grande chiesa di Londra. Tutti i signori si riuniscono e ognuno tenta di estrarre la spada, ma nessuno si dimostra in grado. Sir Ector viene a Londra per un torneo di Capodanno e porta Kay e Arthur. Kay è stato appena fatto cavaliere, ma ha dimenticato la sua spada a casa, quindi chiede ad Arthur di recuperarla per lui. Affrettandosi a casa, Arthur vede la spada nella pietra e la estrae facilmente. Ma quando torna, Ector lo riconosce, e tornano alla pietra in modo che Arthur possa dimostrare di essere riuscito a tirarlo fuori da solo.

Tutti i presenti concordano sul fatto che Artù è il vero re d’Inghilterra, e presto viene incoronato re. Ma non ci vuole molto perché altri re diventino scettici su un così giovane re d’Inghilterra, e si chiedano se possano approfittare dell’inesperienza di Artù per guadagnare alcune terre per se stessi. Merlino avverte Arthur della minaccia, e suggerisce Arthur chiedere aiuto da due re, Re Ban e Re Bors, e poi restituire il favore combattendo nelle loro guerre. Insieme i re si avvicinano per instradare Re Lot e i suoi alleati, ma si fermano una volta che Merlino consiglia ad Artù di smettere mentre sono avanti. Poi gli uomini di Arthur sconfiggono i nemici di Ban e Bors. Mentre all’estero Arthur incontra prima Guenever, che in seguito diventerà la sua regina, ma incontra anche e dorme con Margawse, moglie di Lot e padre di Gawaine, Gareth, Agravaine, e Gaheris, anche se Arthur non si rende conto che lei è la sua sorellastra. Darà alla luce un figlio da Artù, Mordred, che è destinato a uccidere suo padre e rovesciare il regno. Merlino consiglia ad Artù di mandare tutti i bambini nati a maggio (il mese della nascita di Mordred) su una nave che naufragherà—lo fa, ma Mordred è l’unico a sopravvivere, mentre le morti insensate degli altri bambini fanno arrabbiare molti nel regno con Artù.

Artù fa quello che può per rafforzare la forza del suo regno stabilendo la compagnia della Tavola Rotonda, in cui dozzine di cavalieri occupano un posto attorno a un enorme tavolo fisico e si impegnano a cercare missioni onorevoli, concedere pietà agli avversari e difendere le signore ovunque possano trovarle. Arthur avrà bisogno di questa compagnia, soprattutto perché Merlino svanisce dalla storia-si innamora di Nimue, la Signora del Lago, che impara la stregoneria da lui e poi, una volta che si stanca di lui e ha paura del suo potere, lo intrappola in una grotta per sempre. Arthur ha anche a che fare con l’inganno di Morgan le Fay, sua sorella e una maga, che sta sempre cercando di ucciderlo o ingannarlo a fare la sua volontà.

Anche se Artù ha sconfitto Lot e i suoi uomini, presto deve affrontare altre minacce quando l’imperatore Lucio di Roma richiede da lui un tributo. Credendo che questa sia una richiesta vergognosa che minaccerebbe la sua sovranità, Artù rifiuta e porta i suoi cavalieri sul continente europeo, dove hanno una serie di avventure, tra cui l’uccisione di un pericoloso gigante, prima di sconfiggere gli eserciti romani e tornare in trionfo. Launcelot du Lake, uno dei cavalieri di Artù, si esibisce particolarmente bene a Roma. Compie una serie di avventure anche in Inghilterra, e si dimostra come il più grande cavaliere del mondo.

A Pentecoste ogni anno, i cavalieri della Tavola Rotonda si riuniscono per condividere storie delle loro imprese e riorganizzarsi prima di tornare alle loro missioni e avventure. Un anno, uno scudiero sconosciuto arriva in tribunale per cercare di mettersi alla prova. È vestito malandato e nessuno sa chi sia, quindi Arthur lo ha aiutato in cucina. Kay prende in giro il ragazzo, chiamandolo “Beaumains” o “Fair-hands”, anche se gli altri cavalieri rimproverano Kay per la sua presa in giro. Quando una donzella, Linet, arriva in tribunale chiedendo un cavaliere per salvare sua sorella Lionesse dal Cavaliere delle Lavandaie Rosse, Beaumains chiede di compiere questa missione. Egli cavalca fuori, inseguito da Launcelot, e chiede Launcelot di essere fatto cavaliere. Una volta che condivide la sua vera identità con Launcelot—Beaumains è in realtà Gareth delle Orcadi, fratello di Gawaine—Launcelot è d’accordo. Ma nessun altro conosce la vera identità di Gareth, e Linet continua ad arringarlo per i suoi vestiti malandati e la mancanza di identità nobile, anche quando Gareth colpisce molti cavalieri e dimostra di avere una grande abilità. Infine Gareth sconfigge il Cavaliere delle Lavanderie Rosse, e” vince ” Lionesse. Solo dopo Gareth si dimostra alla giostra di Pentecoste, tuttavia, Linet smette di impedirgli di andare a letto con Lionesse, e la coppia è sposata.

Per gran parte del libro, la narrazione passa poi a un cavaliere al di fuori della corte di re Artù—Tristram, figlio del re Melioda. La matrigna di Tristram cerca di avvelenarlo per gelosia, e mentre Tristram la perdona—stabilendo il suo onore cavalleresco—suo padre lo manda fuori dal paese. Quando cresce, si dimostra difendendo Re Marco di Cornovaglia contro Re Angoscia d’Irlanda, e combattendo un cavaliere della Tavola Rotonda di nome Marhaus. Tristram vince ma è ferito, e la famiglia di Anguish si prende cura di lui, non rendendosi conto di chi sia. Si innamora della figlia del re, La Beale Isoud. In poco tempo, la madre di Isoud scopre chi è veramente Tristram, e mentre Angus capisce che Tristram ha dovuto difendere Mark a causa del suo onore, manda tristemente Tristram dalla sua corte. Tristram rimane alla corte di Re Marco, ma dopo che entrambi si innamorano della stessa signora—Isoud, che ama Tristram—Mark diventa selvaggiamente geloso e inizia a tracciare la caduta di Tristram. Mark decide di ordinare a Tristram di combattere e” vincere ” La Beale Isoud in modo che Mark possa sposarla lui stesso. Come suddito di un buon re, Tristram lo fa, anche se lui e Isoud continuano ad amarsi. Un cavaliere di Mark alla fine dice al re della loro reciproca infatuazione, e blocca Isoud via. Tristram fugge nella terra di Re Howel, dove si innamora (e sposa) di un’altra donna, Isoud La Blanche Mains. Finisce per lasciare questo Isoud e incontra un cavaliere della corte di Artù, Lamorak de Galis, per sconfiggere un tiranno insieme.

Nel frattempo, di ritorno alla corte di Artù, un altro cavaliere sconosciuto, Breunor le Noire (La Cote Male Taile) arriva a corte anonimo, si dimostra attraverso le sue abilità da cavaliere, e viene nominato cavaliere della Tavola Rotonda. Un certo numero di cavalieri della Tavola Rotonda si incontrano e giostrano con Tristram, che ancora resiste di essere fatto cavaliere della Tavola Rotonda, dal momento che pensa di non essere abbastanza degno—inoltre, Launcelot, che ha saputo dell’infedeltà di Tristram a La Beale Isoud, è arrabbiato con lui. Tristram si intrufola di nuovo alla corte di Mark, ma ancora una volta viene scoperto. Dopo una lotta con Isoud fugge nella foresta, dove sembra perdere la sua sanità mentale per un po’. Alla fine viene riportato in tribunale come un pazzo, ma alla fine Isoud lo riconosce—una volta rivelata la sua identità, Mark bandisce Tristram dalla corte. Infine Tristram, dopo essersi dimostrato sul campo di battaglia nei tornei di Arthur, viene nominato cavaliere della Tavola Rotonda. Mark sente di questo ed è geloso, così si intrufola in Inghilterra—anche se non prima di uccidere due dei suoi cavalieri che si rifiutano di aiutarlo a uccidere Tristram. Alcuni cavalieri della corte di Artù si imbattono poi in Mark (anche se nasconde la sua identità). Alla fine uno, Dinadan, scopre chi è, e Mark viene portato da Arthur. Arthur gli fa giurare di non tramare più contro Tristram, e Mark lo fa, e riporta Tristram a corte con lui. Nel frattempo, Gawaine e i suoi fratelli perdono contro Lamorak in un torneo. Gelosi, uccidono la loro madre Margawse-l’amante di Lamorak – e alla fine anche Lamorak. Tornato alla corte di Mark, Mark è costretto a chiedere a Tristram di aiutarlo a sconfiggere i nemici. Anche il fratello di Mark si comporta molto bene, quindi Mark diventa geloso e lo uccide. Ma la moglie e il figlio del fratello, Alisander, scappano.

Mark continua a tramare per distruggere Tristram, ma Launcelot è tornato dalla parte di Tristram, e insieme riescono a imprigionare Mark per un po’. Libero di avere avventure da solo, Tristram si unisce con molti altri cavalieri, tra cui Gareth, Palomides e Dinadan, e perseguono una serie di missioni. Ma Palomides è anche innamorato di La Beale Isoud, e dopo Tristram guadagna gloria in un torneo, Palomides cresce quasi malato di gelosia. I due si preparano a combattere per il loro onore, ma Tristram è ferito e quindi non può combattere contro Palomides. Nel frattempo, Launcelot-che mantiene una relazione con la regina Guenever, alla quale è fedele per l’intero libro—è ingannato a letto con Elaine di Corbin, che dà alla luce Galahad, un cavaliere destinato a superare anche suo padre in grandezza.

Più tardi, Galahad arriva a corte senza condividere la sua identità, ma diventa presto chiaro che è più santo di qualsiasi altro cavaliere quando estrae un’altra spada da una pietra incantata. Con grande clamore, il suo arrivo significa l’inizio della ricerca del Sangreal o del Santo Graal—una nave che è in grado di concedere cibo e bevande illimitati, e anche di rivelare misteri spirituali, anche se solo a colui che è abbastanza santo. Arthur è dispiaciuto di vedere così tanti dei suoi cavalieri partire per la ricerca, dal momento che sa che la maggior parte di loro non sarà abbastanza degna per raggiungerlo. Le avventure di Galahad nella ricerca sono dettagliate per prime, mentre libera diversi castelli dai cavalieri malvagi e difende diverse donzelle. Percivale, un altro cavaliere sulla ricerca, cerca di trovare Galahad, ma invece deve affrontare le sue missioni, che coinvolgono tentazioni da e battaglie con il diavolo in varie forme. Anche Launcelot si trova di fronte a tali tentazioni, e mentre combatte bene come sempre, viene detto da una serie di figure che a causa dei suoi peccati terreni—come dormire con Guenever e abbracciare l’orgoglio terreno—non sarà mai in grado di raggiungere il Santo Graal. Sir Bors affronta anche una serie di prove spirituali, prima di dover scegliere tra salvare una signora e salvare suo fratello Lionel. Sceglie la signora, mostrando così il suo onore cavalleresco, ma Lionel diventa furioso e, posseduto dal diavolo, cerca di uccidere suo fratello. Tuttavia, Bors riesce a fuggire e unirsi a Percivale. Si incontrano con Galahad, dove hanno molte avventure insieme. Incontrano la sorella di Percivale su una nave incantata, dove c’è una spada e un fodero investiti di santità a causa della loro connessione con una figura biblica e primo guardiano del Santo Graal, Giuseppe di Arimatea. Galahad si rivela essere destinato a prendere questa spada e fodero. Alla fine, i tre cavalieri raggiungono il Castello del re Mutilato, Pellam, dove Galahad guarisce il re, adempiendo così una profezia. Un altro re li getta in prigione, ma il Santo Graal assicura che siano tenuti nutriti e sani, e quando il re muore Galahad viene incoronato re della terra. Dopo qualche tempo, Galahad finalmente è concesso il diritto di vedere i misteri spirituali del Santo Graal, ed è elevato al cielo. Percivale diventa un santo e muore non molto tempo dopo, mentre Bors torna alla corte di Artù, dove molti dei cavalieri originali della Tavola Rotonda sono morti.

Tornato a corte, Launcelot dimentica presto il voto che aveva fatto per diventare un uomo più santo, e riprende la sua relazione con Guenever. Presto, però, un cavaliere Pinel cerca di avvelenare Gawaine per gelosia alla festa di Guenever, ma uccide accidentalmente un cavaliere Patrise. Tutti pensano che sia Guenever, ma Launcelot la difende da Pinel. Si svolgono diversi tornei e Launcelot si dimostra potente. A un certo punto rimane con un lord Bernard e sua figlia, Elaine le Blank, che si innamora di lui, anche se Launcelot continua ad essere fedele a Guenever—Elaine alla fine muore per dolore. Dopo un altro grande torneo, il regno è in pace per un po’.

Presto, però, un cavaliere di nome Meliagrance cerca di approfittare dell’assenza di Launcelot da corte per rapire Guenever, di cui è innamorato. Launcelot viene catturato e gettato in prigione, ma alla fine, grazie all’intervento di una damigella, fugge e uccide Meliagrance in battaglia. Ma un altro cavaliere, Agravaine, è geloso di Launcelot e decide di tramare contro di lui. La relazione di Launcelot con Guenever è sempre stata un segreto aperto a corte per tutti tranne Arthur, e Agravaine finalmente condivide il segreto apertamente e lo dimostra ad Arthur circondando Guenever e Launcelot quando sono a letto una notte. Launcelot fugge e Guenever viene condannato a morte. Launcelot riesce a cavalcare e salvare Guenever prima che venga bruciata sul rogo, anche se nel caos uccide accidentalmente Gareth e Gaheris. Il loro fratello Gawaine è sempre stato fedele a Launcelot, ma questa è l’ultima goccia, e giura di distruggere Launcelot. Arthur accetta dolorosamente di combattere contro il suo miglior cavaliere e amico. Ad un certo punto Launcelot, che ha portato Guenever alla sua torre, la restituisce ad Arthur, che sarebbe felicemente porre fine alla guerra civile, ma Gawaine si rifiuta di essere soddisfatto fino a quando Launcelot viene ucciso. Launcelot fugge a Benwick con alcuni cavalieri a lui fedeli, e Gawaine e Arthur, con i loro cavalieri, partono per assediare lì. Mentre stanno combattendo, Mordred viene a sapere della morte di Artù e si incorona re, rendendo Guenever sua moglie. Anche dopo aver scoperto che Arthur è ancora vivo, si rifiuta di rinunciare alla sua posizione. Arthur e Gawaine sono costretti a tornare. Gawaine è ferito a morte e sul letto di morte dice ad Arthur che perdona Launcelot ed è dispiaciuto per aver mai iniziato la guerra. Arthur è detto di firmare una tregua con Mordred fino a quando Launcelot può tornare a combattere per lui, ma all “ultimo minuto un incidente rende la tregua nulla, e Arthur e Mordred ferita mortalmente l “un l” altro. Solo allora Launcelot ritorna, anche se è troppo tardi. Guenever si ritira in un convento, e molti degli altri cavalieri diventano uomini santi o eremiti, rinunciando a una vita di battaglia. Un nuovo re, Costantino, viene incoronato, ponendo fine alla storia della Tavola Rotonda.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.